Classifica Bloomberg dei più sani del mondo, Spagna supera Italia

Roma, 25 febbraio – Ora, magari, ci sarà qualcuno che si sbizzarrirà sostenendo che il  gazpacho e la paella sono più salutari dello spaghetto al pomodoro e basilico, come scherzosamente osservano i ricercatori che hanno stilato la classifica. Quel che è certo è che la Spagna, secondo quanto emerge dall’edizione 2019 del Bloomberg Healthiest Country Index, supera l’Italia e si insedia al primo posto della classifica dei Paesi più sani del mondo, lasciando al Bel Paese la seconda piazza.
L’ Healthiest Country Index di Bloomberg classifica 169 Paesi in base ai fattori che contribuiscono a determinare la salute generale di una popolazione. Un territorio dove l’Europa sembra decisamente avanti: oltre a Spagna e Italia, ci sono infatti altri quattro paesi del Vecchio continente che entrano nella top ten del 2019: si tratta di Islanda (terzo posto), Svizzera (quinta), Svezia (sesta) e Norvegia (nona).  Un’egemonia nella quale riescono a infilarsi il Giappone (quarto in classifica), che scalza Singapore (scivolato dal 4° all’8° posto) nel ruolo di Paese più sano del continente asiatico. Australia e Israele completano la top 10 con, rispettivamente, il settimo e decimo posto. Spiccano le assenze, ai piani alti della classifica, di Paesi delle Americhe e dell’Africa.
L’indice classifica le nazioni sulla base di variabili, inclusa l’aspettativa di vita, la mortalità infantile, i decessi per incidenti e valutando (ovviamente in negativo) l’incidenza di rischi quali l’uso di tabacco, la scarsa copertura vaccinale,  l’obesità. I criteri di valutazione prendono in considerazione anche i fattori ambientali, incluso l’accesso all’acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari.

La Spagna, riferisce l’Index di Bloomberg, ha la più alta aspettativa di vita alla nascita tra le nazioni dell’Unione europea, preceduta soltanto da Giappone e Svizzera a livello mondiale.. Ma, secondo l’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington, entro il 2014o il Paese iberico supererà tutti  entro il 204, con una speranza di vita  di quasi 86 anni, mettendosi alle spalle anche Giappone, Singapore e Svizzera.
La ricerca evidenzia le ragioni strutturali del primato della Spagna ( e del secondo posto italiano): in quel Paese, così come nel nostro,  “l’assistenza primaria è fornita essenzialmente da fornitori pubblici, medici specializzati e infermieri, che forniscono servizi di prevenzione a bambini, donne e pazienti anziani oltre che cure per patologie acute e croniche”.  Un sistema che sembra funzionare, come comprova anche  l’Osservatorio europeo sui sistemi sanitari e le politiche 201, che in Spagna registra un declino negli ultimi dieci anni dell’incidenza delle malattie cardiovascolari e dei decessi per cancro.
I sistemi sanitari, però, non sono l’unica ragione della “maggiore salute” di Spagna e Italia: molto incidono infatti le abitudini di vita, a partire dall’alimentazione. I due Paesi sono i “campioni” della dieta mediterranea, integrata con olio extravergine di oliva o noci, e in grado di recitare un ruolo nell’abbassare i rischi di patologie cardiovascolari. Anche la toavola, dunque, secondo Bloomberg, fornsice indizi sui livelli di salute di cui godono i due Paesi latino-mediterranei.
Ben altra è la storia dei Paesi oltre Atlantico. Solo il Canada si attesta su un più che onorevole 16 ° posto, che gli vale il primato del continente, superando largamente gli altri grandi Paesi nordamericani: gli Stati Uniti raggiungono infatti solo il 35° posto, e il Messico è ancora più in basso, in 53ma posizione. Entrambi sono superati entrambi dalla piccola Cuba, che – grazie probabilmente al suo sistema di sanità pubblica che non gode di grandi risorse ma pone grande attenzione sulla prevenzione – si piazza al 30° posto dell’Index Bloomberg.
Tornando all’Asia, emerge la performance della Corea del Sud, che guadagna sette posizioni in classifica insediandosi al 17° posto e trova conferma il lento ma costante progresso del gigante cinese, con il suo quasi miliardo e mezo di cittadini: la Cina è salita di tre posizioni, piazzandosi al 52° posto. Ma l’outlook è favorevole: secondo il già ricordato Institute for Health Metrics and Evaluation, infatti,  “l’aspettativa di vita in Cina è sulla buona strada per superare gli Stati Uniti entro il 2040”.