Commissioni Sanità, Grillo in audizione su programmi ministero

Roma, 23 luglio – Potrebbe essere una giorno importante, mercoledì 25 luglio. È in quella data, infatti, che è stata fissata l’audizione della ministra della Salute, Giulia Grillo (nella foto) davanti alle Commissioni sanità riunite di Senato e Camera.

Al centro dell’incontro, le linee programmatiche che la ministra pentastellata intende perseguire alla guida del dicastero. Potrebbe essere l’occasione per sapere di più (e più in dettaglio), dopo  i primi 50 e più giorni di gestione della Salute da parte della nuova titolare del ministero, non solo e non tanto in ordine agli obiettivi che Grillo intende perseguire, ma sulle priorità delle sue azioni di governo e su come e con che tempi verranno affrontati i molti dossier aperti. Tra i quali spicca certamente quello della riforma della governance farmaceutica,  da anni in attesa di una riforma fin qui mai arrivata, ma ormai indifferibile.

Resta da vedere, al riguardo, se obiettivi e priorità indicati nell’articolato programma in materia farmaceutica che Grillo (e più in generale il M5S) avevano presentato agli elettori prima delle elezioni del marzo scorso (RIFday lo aveva riassunto in questo articolo del 6 giugno scorso) sono rimasti gli stessi o se la nuova ministra intende rimodularli nei contenuti o anche solo nei tempi.

La carne che il Movimento 5 Stelle aveva messo al fuoco era infatti davvero molta, a partire dall’obiettivo di eliminare i ticket sui farmaci per impedire ogni ulteriore aggravio sulle tasche dei cittadini italiani, e sostanziava un politica in netta discontinuità con il passato, con effetti in qualche caso dirompenti.  Mercoledì, dopo il faccia a faccia con i deputati della Commissione Affari sociali e  i senatori della Igiene e sanità, sicuramente si conoscerà con maggiore precisione cosa è rimasto di quel programma e come la ministra Grillo intenda davvero muoversi, nel prossimo futuro, in materia di farmaci.