Doping, megaoperazione dei Nas, sequestri e 234 arresti in tutta Europa

Roma, 10 luglio – Sequestri in tutta Europa di sostanze dopanti per 3,8 milioni di euro, 234 persone arrestate, oltre mille indagati, nove laboratori clandestini scoperti e smantellati, uno dei quali in Italia, nel Salernitano, dove i carabinieri hanno sequestrato un centro clandestino per la produzione di sostanze stupefacenti e dopanti. E, per finire, 600 atleti controllati,  di cui 19 risultati positivi.

Sono i dati che sintetizzano l’operazione internazionale, coordinata dai Carabinieri del Nas e da Europol,  la più vasta di sempre posta in essere contro il doping:  vi hanno partecipato tutti i Paesi membri dell’Unione europea e l’Interpol, ma anche altri Paesi come Usa, Svizzera, Albania, Ucraina, Colombia, Montenegro, Moldavia, Islanda, Bosnia, Erzegovina e il Nord Macedonia, con il supporto della Wada, l’Agenzia mondiale antidoping e dell’Olaf,  l’Ufficio europeo antifrode.

Nell’ambito dell’operazione (denominata Viribus) è stata anche smantellata un’organizzazione dedita al traffico internazionale di sostanze dopanti che operava tra Italia e Romania. Nas e Europol, riferisce al riguardo l’Ansa, hanno arrestato 13 persone e sequestrato ingenti quantitativi di sostanze dopanti e farmaci contraffatti, per un valore complessivo di circa un milione di euro. Nel complesso l’attività investigativa ha consentito di disarticolare 17 gruppi criminali coinvolti nel traffico internazionale di sostanze dopanti, individuare e sequestrare come già anticipato  laboratori clandestini per la produzione di sostanze illecite e farmaci contraffatti.
L’operazione Viribus era stata lanciata dai Carabinieri del Nas e da Europol nel mese di ottobre 2018 nel corso di un incontro al ministero della Salute.

Viribus  ha consentito di applicare un modello organizzativo efficace di coordinamento e cooperazione tra le forze di polizia degli Stati coinvolti” spiega la nota dei Nas  che riferisce in dettaglio i dati dell’operazione appena riportati “per contrastare efficacemente e in sinergia i traffici illeciti di sostanze dopanti, anche online, la produzione illegale di farmaci contraffatti a effetto dopante, nonché l’uso di sostanze vietate nelle competizioni sportive”.