Farmacap, confermato stanziamento per contratto servizio, l’azienda va avanti

Roma, 17 dicembre – A dispetto delle voci, puntualmente riprese e rilanciate dai quotidiani cittadini, che mettono in dubbio le sorti future della sua dimensione pubblica agitando lo spettro della vendita, Farmacap – l’azienda speciale del Comune di Roma che gestisce le farmacie comunali della Capitale –  prosegue imperterrita la sua attività, come si evince da una comunicazione ai dipendenti del commissario straordinario Angelo Stefanori, che dà appunto conto delle ultime iniziative sul terreno del sociale, “campo di gioco” dell’azienda,  insieme alle farmacie.

Il primo impegno è la collaborazione avviata con il terzo Municipio nell’ambito del Piano freddo: fino al prossimo aprile, Farmacap metterà a disposizione 27 posti letto nei propri locali di via Gentiloni, che saranno gestiti dal Municipio per assistere nella stagione invernale soggetti fragili, persone senza fissa dimora e nuclei familiari con difficoltà alloggiativa.  Ad essi, scrive Stefanori citando il comunicato del Municipio che dà atto della fattiva collaborazione di Farmacap, “verrà garantito il ricovero notturno, fornito un pasto serale caldo e una colazione, con l’intervento di enti e associazioni di volontariato, e ovviamente dei servizi sociali municipali”. Un’iniziativa solidale che, in tempi in cui la solidarietà sembra un valore in via di estinzione, è certamente meritoria.

Stefanori segnala anche un’altra iniziativa, realizzata questa volta dai servizi sociali dell’azienda, protagonisti di un’iniziativa di  prevenzione cardiovascolare nei centri anziani della città, realizzata per conto del Dipartimento Politiche Sociali e organizzata da Farmacap insieme con l’Istituto nazionale Ricerche cardiovascolari, un consorzio tra 19 università Italiane con sede a Bologna. “L’attività è già in fase di programmazione per il 2019” scrive Stefanori e costituisce “un’ulteriore fase del rafforzamento delle attività di prevenzione sanitaria cittadina ed un nuovo remunerato impegno per noi. Se non è rilancio dell’Azienda questo…” conclude il commissario, avendo cura di precisare di limitarsi al comunicare i fatti e di “non voler fare polemiche”, affermazione che – considerata la circostanza, un’informativa ai dipendenti  – suona in tutta evidenza come una antifrasi e autorizza il sospetto di un qualcosa di più che una risposta all’ultima sortita dei sindacati dei lavoratori  (cfr. RIFday del 14 dicembre)  con la convocazione di un’assemblea dei lavoratori per domani, 18 dicembre, per discutere la situazione dell’azienda, anche alla luce del mancato confronto chiesto all’assessorato alle Politiche sociali “sulla predisposizione delle Linee guida per il prossimo triennio e, coerentemente ad esse, di un piano industriale, che preveda non solo la conferma della Azienda speciale con la propria integrazione farmaco-socio-sanitaria, ma un effettivo rilancio e sviluppo”. Un confronto chiesto “prima che si decidano gli stanziamenti di bilancio entro il 31 dicembre” ma che a questo punto è difficile  possa aver luogo.

Stefanori, da parte sua, comunica ai dipendenti dell’azienda l’avvenuta conferma dello stanziamento nel bilancio comunale per il contratto di servizio di Farmacap, che sarà rinnovato “Aanche qui, dubbi non ce ne sono mai stati” scrive il commissario. “L’Azienda, dunque, va avanti”.