Federfarma: “Carenze, bloccare esportazioni anche per altri farmaci”

Roma, 12 giugno – Lo “schema Sinemet”, ovvero il blocco temporaneo delle esportazioni del farmaco per contrastare il problema delle carenze sul territorio nazionale, misura contenuta in una deliberazione dell’Aifa pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, andrebbe applicato anche ad altre specialità. Questa la suggestione che Federfarma ha avanzato all’agenzia regolatoria nazionale, con la richiesta di considerare l’opportunità di adottare provvedimenti analoghi anche per altre tre specialità, tutte della ditta UCB: si tratta di Nuepro, Keppra e Vimpat (due antiepilettici e un antiparkinsoniano), che da tempo -informa il sindacato dei titolari di farmacia – risultano in cima alla graduatoria del numero di segnalazioni effettuate dalle farmacie per farmaci indisponibili.