Francia, un decreto dà via libera al vaccino antiflu in farmacia

Roma, 29 aprile -Le  farmacie francesi, a partire dal prossimo autunno, saranno anch’esse in pirma linea in tutto il Paese per vaccinare i cittadini contro l’influenza. Si è infatti conclusa positivamente la sperimentazione avviata due anni fa, prima nelle regioni Nuova Aquitania e Auvergne Rhône-Alpes (stagione 2017-2018) e  quindi in altre due regioni, Occitanie e Hauts-de-France  (stagione 2018-2019), estendendo la somministrazione del vaccino in farmacia anche ad altre categorie di persone oltre a quelle inizialmente previste,  che ha portato poco meno di un milione di francesi a vaccinarsi contro l’influenza stagionale in farmacia dal farmacista.

La possibilità si estenderà ora a tutta la Francia, dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’apposito decreto della ministra della Salute Agnès Buzyn (nella foto).

Il provvedimento prevede che per somministrare il vaccino, i farmacisti dovranno  notificare l’esercizio di questo servizio ai direttori generali delle aziende sanitarie regionali, acquisire una formazione adeguata anche dal punto di vista pratico e avere a disposizione locali adatti a somministrare la profilassi vaccinale. Ai farmacisti, in ogni caso, è fatto divieto di vaccinare persone che hanno avuto reazioni allergiche in precedenti vaccinazioni.

L’allargamento della vaccinazione antiflu a tutte le farmacie francesi che vogliano rendersi disponibili a somministrarlo ha l’evidente obiettivo di aumentare e rafforzare il ricorso alla protezione vaccinale contro la malattia invernale per eccellenza, aumentando la copertura e riducendo quindi i costi sociali e sanitari delle epidemie stagionali. “La moltiplicazione delle opportunità di vaccinazione” ottenuta con “l’arruolamento” di presidi di sanità diffusi capillarmente nel territorio, quali sono le farmacie,  “è una questione importante per avvicinare i cittadini all’immunizzazione”, spiega il ministero della Salute francese.