Gare farmaci, le Regioni risparmiano di più acquistando in pool

Roma, 30 ottobre – Acquisto dei farmaci, il modello Piemonte fa strada e proseliti. Per la prima volta, infatti, un accordo fra cinque Regioni italiane ha permesso di bandire una gara sovraregionale per la fornitura di medicinali e di ottenere risparmi consistenti sul prezzo dei farmaci, liberando risorse da reinvestire nel servizio sanitario nazionale.

A darne informazione è una nota ufficiale dove si legge che nei giorni scorsi la Scr, la società di committenza della Regione Piemonte, ha aggiudicato la gara per la fornitura di adalimumab, farmaco biologico usato per malattie come l’artrite reumatoide, l’artrite psoriasica e il morbo di Crohn. Nel bando di gara si sono associate al Piemonte altre quattro regioni – Lazio, Sardegna, Valle d’Aosta e Veneto – per un totale di circa 17 milioni di persone interessate, quasi un terzo dell’intera popolazione italiana.

L’indizione di un bando per la fornitura, avvenuta contemporaneamente alla scadenza del brevetto del farmaco “originatore” e all’immissione sul mercato del biosimilare, ha consentito una riduzione del 65% del costo sostenuto dalle Regioni e un risparmio di oltre 31 milioni di euro.

Si tratta di un fatto storico, è la prima volta che in Italia più regioni si accordano per effettuare una gara di tali proporzioni, ed è anche la dimostrazione che sulla farmaceutica ci sono ancora molti margini per ottenere risorse da reinvestire nel sistema sanitario”  sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte Antonio Saitta (nella foto), che è anche il coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni. “È un’esperienza che abbiamo portato avanti in questi anni come Giunta Chiamparino e che ora mettiamo a disposizione di tutte le Regioni: uniamoci per fare gare d’appalto comuni”.

Sono 111.929 le fiale messe a gara: l’importo unitario è sceso dai 424,32 euro pagati inizialmente ai 298 euro della base d’asta, fino ai 146,72 euro del prezzo dell’effettiva aggiudicazione, grazie all’ulteriore ribasso avvenuto. Il costo per le Regioni è così sceso dai 47,5 milioni di euro spesi prima della gara agli attuali 16,4 milioni di euro.

Questa prima gara affrontata da un pool di Regioni fa seguito all’iniziativa avviata l’anno scorso dallo stesso Saitta, che l’anno scorso aveva scritto ai suoi colleghi assessori regionali alla Sanità proponendo l’avvio di gare uniche per la fornitura di medicinali, con l’obiettivo di incentivare la concorrenza e ottenere consistenti riduzioni sui costi. La gara appena conclusa è appunto il primo esito concreto di questa forma di collaborazione.

Oggi rafforzo la proposta che avevo rivolto lo scorso anno ai miei colleghi”  insiste Saitta. “Sono certo che, sulla base dei risultati ottenuti, si possa procedere sempre di più ad intese in tal senso fra le società di committenza regionale, anche in vista delle prossime gare per la fornitura di farmaci”.

Nei prossimi mesi dovrebbero infatti essere immessi sul mercato nuovi farmaci biosimilari del bevacizumab e del teraparatide, medicinali per cui a livello nazionale le Regioni spendono rispettivamente 155 e 85,4 milioni di euro all’anno.