Gimbe: Diritto a tutela salute minacciato da autonomie differenziate

Roma, 6 febbraio – Mancano solo una manciata di giorni alla data del 15 febbraio, che potrebbe essere una delle più rilevanti per la storia ormai qurantennal del nostro servizio sanitario pubblico. In quel giorno, infatti, è fissato l’incontro  tra i presidenti di Emilia Romagna (Stefano Bonaccini), Lombardia (Attilio Fontana)  e Veneto (Luca Zaia) e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte per riprendere la discussione sul regionalismo differenziato, in attuazione dell’art. 116 della Costituzione che attribuisce alle Regioni “ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia” sulla base di un’intesa tra lo Stato e le Regioni a statuto ordinario che ne facciano richiesta.

La prospettiva di Regioni “diversamente autonome”,  complice un’insolita convergenza di schieramenti politici che pure sono di opinioni irriducibilmente opposte in quasi tutti  gli ambiti,  sembra marciare con passo sicuro e molto più veloce di quanto fosse lecito attendersi: se nell’incontro del prossimo 15 febbraio primo ministro e rappresentanti regionali dovessero raggiungere l’intesa, il Governo procederà subito a formulare un apposito ddl che dovrà essere quindi approvato dalle Camere con maggioranza assoluta.

Ma non sono in pochi a vedere nelle autonomie differenziate un serio attentato all’assetto del Paese, con riflessi potenzialmente esiziali per la sua tenuta istituzionale. Tra questi, va sicuramente ricompreso il presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta (nella foto), che ha avviato un percorso di analisi e approfondimento per valutare i rischi potenziali del regionalismo differenziato, in particolare sulla tutela della salute, avviando una consultazione pubblica  (qui il format per partecipare).

“Dopo che le tre Regioni avevano sottoscritto al fotofinish gli accordi preliminari sul regionalismo differenziato con il Governo Gentiloni” spiega in una nota Cartabellotta “il contratto per il Governo del Cambiamento ha ribadito come ‘questione prioritaria […] l’attribuzione, per tutte le Regioni che motivatamente lo richiedano, di maggiore autonomia in attuazione dell’art. 116 della Costituzione, portando anche a rapida conclusione le trattative tra Governo e Regioni attualmente aperte’. Nel frattempo” ricorda il presidente di Gimbe “altre sette Regioni  – Campania, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Toscana e Umbria  – hanno conferito ai presidenti il mandato di avviare il negoziato; Basilicata, Calabria e Puglia sono alla fase iniziale dell’iter, mentre Abruzzo e Molise non risultano aver avviato iniziative formali”.

Il virus della richiesta di maggiori autonomie, insomma, si sta velocemente propagando tra le Regioni. Si tratta di una prospettiva, spiega Cartabellotta,  dove la cartina al tornasole “è rappresentata dalla sanità, dove già oggi il diritto costituzionale alla tutela della salute, affidato ad una leale collaborazione tra Stato e Regioni, è condizionato da 21 sistemi sanitari che generano diseguaglianze sia nell’offerta di servizi e prestazioni sanitarie, sia soprattutto negli esiti di salute”.

Sic stantibus rebus, la preoccupazione di Gimbe è che l’attuazione tout court dell’art. 116 non potrà che amplificare le diseguaglianze di un Servizio sanitario nazionale, oggi universalistico ed equo solo sulla carta. In altre parole, puntualizza Cartabellotta, “senza un contestuale potenziamento delle capacità di indirizzo e verifica dello Stato sulle Regioni, il regionalismo differenziato finirà per legittimare normativamente il divario tra Nord e Sud, violando il principio costituzionale di uguaglianza dei cittadini”.

Le maggiori autonomie richieste dalle tre Regioni sulla tutela della salute lasciano infatti intravvedere,  secondo Gimbe,  conseguenze non sempre prevedibili: dalla rimozione dei vincoli di spesa in materia di personale all’accesso alle scuole di specializzazione; dalla stipula di contratti a tempo determinato di “specializzazione lavoro” per i medici agli accordi con le Università; dallo svolgimento delle funzioni relative al sistema tariffario, di rimborso, di remunerazione e di compartecipazione al sistema di governance delle aziende e degli enti del Ssr; dalla richiesta all’Aifa di valutazioni tecnico-scientifiche sull’equivalenza terapeutica tra diversi farmaci agli interventi sul patrimonio edilizio e tecnologico del Ssr, sino all’autonomia in materia di istituzione e gestione di fondi sanitari integrativi.

Ulteriori autonomie, secondo Gimbe, si profilano per l’Emilia Romagna (distribuzione diretta di farmaci) e il Veneto che punta alla gestione del personale: regolamentazione dell’attività libero-professionale e definizione di incentivi e misure di sostegno per i dipendenti del Ssr in sede di contrattazione collettiva.

“Le posizioni delle varie forze politiche”  evidenzia Cartabellotta “oscillano, come un pendolo schizofrenico, dal potenziamento del centralismo al regionalismo differenziato in ragione di opportunismi, alleanze e compromessi politici, senza ponderare i rischi per la coesione nazionale e sociale, né soprattutto le conseguenze sui diritti costituzionali, visto che con le maggiori autonomie nascere e vivere al Sud significherà avere meno diritti di chi risiede nelle Regioni più ricche: dalla sanità al welfare, dalla scuola all’università».

Davanti a questo potenziale attentato allo Stato sociale, “un’insolita congiunzione astrale ha allineato tutte le forze politiche”  scrive Gimbe “senza alimentare alcun dibattito sui rischi del regionalismo differenziato e sulla contestuale necessità di potenziare le capacità di indirizzo e verifica dello Stato sulle Regioni, per evitare che l’attuazione dell’art. 116 si trasformi in elemento di disgregazione del Paese”.

Gimbe sostanzia l’affermazione con un puntiglioso elenco di  rilievi: il primo riguarda il premier Conte, che dovrebbe essere l’arbitro della partita in gioco e invece si limita a parlare per ossimori affermando che il Governo “lavora seriamente sull’autonomia di Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna”, ma deve “salvaguardare la coesione nazionale e sociale”. La seconda notazione è rivolta alle ultradecennali spinte secessioniste della Lega (“silenziosamente avallate da Forza Italia”, annota Gimbe), che  non solo hanno trovato con l’art. 116 il cavallo di Troia per disgregare l’unità del Paese, ma provano ad andare oltre, visto che i referendum di Veneto e Lombardia hanno proposto quesiti incostituzionali, tra cui quello se trattenere l’80% del gettito fiscale, rilanciando il secessionismo 1.0 di Umberto Bossi. Ancora, Gimbe rimarca come la ministra per il Sud, Barbara Lezzi (MS5) , che per il suo incarico, in un Paese normale, sarebbe il  garante politico di chi avrebbe la peggio dal regionalismo differenziato,  abbia invece rivendicato il ruolo attivo del suo schieramento politico  sulle autonomie, affermando la necessità di un confronto tra la ministra Stefani (Lega), coordinatrice del negoziato, e i ministri della Salute, dell’Ambiente e dei Trasporti (tutti in quota MS5).

Nel frattempo, peraltro, la ministra Giulia Grillo aveva già aperto al regionalismo differenziato contraddicendo la dichiarazione d’intenti con cui si apre il capitolo Sanità del Contratto per il Governo del Cambiamento: “È prioritario […] tutelare il principio universalistico su cui si fonda la legge n. 833 del 1978 istitutiva del Ssn. Tutelare il SSN significa […] garantire equità nell’accesso alle cure e uniformità dei livelli essenziali di assistenza”. Da ultimo, ma non ultimo (perché spia di come anche l’opposizione sia sintonizzata sulle frequenze dell’autonomia differenziata) il Partito Democratico che è di fatto allineato con gli obiettivi di Governo, perché l’Emilia Romagna è sulla stessa barca di Lombardia e Veneto, seppur con richieste più orientate alla qualità dei servizi ed efficienza amministrativa, piuttosto che all’identità regionale.

Il risultato, secondo Gimbe, è che finiscono per restare inascoltate le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel discorso di fine anno: “L’universalità e la effettiva realizzazione dei diritti di cittadinanza sono state grandi conquiste della Repubblica: il nostro Stato sociale, basato sui pilastri costituzionali della tutela della salute, della previdenza, dell’assistenza, della scuola rappresenta un modello positivo. Da tutelare”.

“Considerato che sono in gioco i diritti civili delle persone” conclude Cartabellotta “è inaccettabile per un Paese democratico l’assenza di un dibattito politico e civile sul tema. Ecco perché la Fondazione Gimbe ha elaborato una sintesi delle autonomie richieste dalle Regioni in sanità e invita tutti gli stakeholder (cittadini inclusi) a partecipare alla consultazione pubblica per far luce sui potenziali rischi del regionalismo differenziato sulla tutela della salute”.

La consultazione pubblica è disponibile sino al 15 febbraio 2019, all’indirizzo: www.gimbe.org/regionalismo-differenziato.