Grillo alle Regioni: “Presidenza Aifa, è ora di indicare il nome”

Roma, 18 dicembre – Nuova fumata bianca per la presidenza dell’Aifa, ancora in attesa di inquilino dopo le dimissioni di Stefano Vella. La Conferenza delle Regioni ha infatti rinviato ancora una volta l’indicazione del nome da inviare al ministero della Salute, che  il presidente Stefano Bonaccini aveva annunciato per la seduta del “parlamentino” delle Regioni del 13 dicembre scorso.

Dalla riunione, però, non è scaturito alcun nome e – a questo punto – è molto probabile che l’”ecce homo” delle Regioni scavallerà quel che resta del 2018 per arrivare solo all’inizio del nuovo anno. La ministra della Salute Giulia Grillo (nella foto) però, invita a fare presto: “Mi auguro che i tempi siano brevi
non possiamo stare troppo tempo senza questa figura” ha infatti affermato la titolare del dicastero, tradendo una certa impazienza dopo il nulla di
fatto della seduta della Conferenza  nel giorno di S. Lucia. Una sortita che non solo assomiglia molto a un rimprovero, ma che suona anche come la restituzione del classico pane in cambio della focaccia. Non va infatti dimenticato che i presidenti delle Regioni, all’inizio dello scorso settembre,  dopo la comunicazione del nome di Luca Li Bassi come nuovo direttore generale dell’Agenzia regolatoria, chiesero alla ministra il rinvio della nomina per avere il tempo di poter fare un’adeguata valutazione prima di esprimere il loro parere.  Un gesto che, probabilmente, la ministra non gradì più di tanto e che ora, forse, coglie l’occasione di “ricambiare”, sollecitando le Regioni ad assolvere a un impegno che ritardano senza alcuna palusibile giustificazione.