Influenza, dopo il picco casi in calo ma incidenza resta alta

Roma, 18 feebbraio . Influenza bye bye: dopo il picco della settimana scorsa,  il bollettino InfluNet relativo alla sesta settimana del 2019 (3-10 febbraio 2019) elaborato sui dati inviati dagli 805 medici sentinella sulla frequenza delle sindromi influenzali tra i propri assistiti, registra un’inversione di tendenza. La stagone influenza 2018-2019, insomma, sembra aver intrapreso la sua curca discendente, anche se l’incidenza resta per ora sostenuta.

Questi i dati principali riportati dal bollettino elaborato dal Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità, su una popolazione di assistiti in sorveglianza pari,  mediamente, a 1.371.839 per settimana:

  • nella sesta settimana del 2019 il numero di casi di sindrome influenzale ha iniziato a diminuire, dopo aver raggiunto il picco stagionale nella precedente settimana (livello di incidenza pari a 14,1 casi per mille assistiti);
  • l’incidenza in Italia resta comunque alta (12,75 casi per mille assistiti); sono stati circa 771.000 i casi di influenza stimati in questa settimana, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 5.276.000 casi:
  • più sensibile il calo dell’incidenza nei bambini sotto i 5 anni di età. Nella fascia 0-4 anni l’incidenza è infatti pari a 36,17 casi per mille assistiti;
  • nella fascia di età 5-14 anni a 20,68 nella fascia 15-64 anni a 11,49 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 5,06 casi per mille assistiti.
  • Lombardia, Umbria, Marche e Abruzzo le Regioni maggiormente colpite.

A questo link e disponibile il Pdf con il bollettino InfluNet della sesta settimana.