Integratori curcuma, salgono a 12 i casi di epatite segnalati dall’Iss

Turmeric powder, turmeric capsule and turmeric on wooden background

Roma, 28 maggio – Salgono a 12 i casi di epatite colestatica acuta, non infettiva e non contagiosa, riconducibili al consumo di curcuma segnalati dall’Istituto superiore di sanità. Il dodicesimo caso, che fa seguito a quello segnalati  è stato associato al consumo di due integratori, Tendisulfur Forte bustine di Laborest Italia  (prodotto da Nutrilinea) e Cartijoint Forte di Fidia Farmaceutici  (prodotto da Sigmar Italia ).

Quest’ultimo  richiamo si aggiunge agli altri comunicati nei giorni scorsi. Questa la lista dei primi casi segnalati  fino al 10 al 16  maggio:

  • Curcumina Plus 95%, lotto 18L823 NI.VA prodotto da Frama 10/2021
  • Curcumina 95% Kline lotto 18M861 NI.VA prodotto da Frama 11/2021
  • Curcumina Plus 95% piperina linea@ lotto 2077-LOT 19B914 NI.VA prodotto da Frama (inizialmente era stato erroneamente indicato il lotto 198914)
  • Curcumina Plus 95% piperina linea@ 18C590 NI.VA prodotto da Frama (inizialmente era stato erroneamente indicato il lotto 18e590)

Sono poi seguite, fino al 21 maggio, le segnalazioni relative a:

  • Curcuma 95% Maximum lotto 18L264 scadenza 10/2021 prodotto da EKAPPA LABORATORI srl per conto di Naturando S.r.l.
  • Curcuma complex B.A.I. aromatici per conto di Vitamin shop
  • Tumercur Sanandrea
  • MOVART Scharper SpA stabilimento di Nichelino
  • Curcuma Meriva 95% 520mg Piperina 5 mg Farmacia dr. Ragazzi, Malcontenta
  • Curcuma “Buoni di natura” – Terra e Sole (inizialmente era stato erroneamente indicato il marchio Colfiorito)
  • Curcuma liposomiale più pepe nero – lotto 1810224, scadenza 10/21, prodotto da LABORATORIES NUTRIMEA con sede e stabilimento di produzione rue des Petits Champs 20, FR 75002, Parigi

Il ministero informa che sono in corso verifiche proprio per studiare la situazione e soprattutto individuare da dove parte la contaminazione. Ovviamente il ministero “raccomanda ai consumatori, anche in caso di acquisti on-line, di non consumare i lotti dei prodotti richiamati”.