Milano, stroncata truffa sui farmaci a danno del Ssn, 14 arresti

Roma, 19 giugno – Una truffa sui farmaci semplice e redditizia, in atto almeno dal 2015, quella stroncata ieri dalla  forze dell’ordine a Milano. Funzionava così: dopo aver acquisito consistenti quantitativi di ricette rosse,  in prevalenza  rubandole da strutture ospedaliere e medici di famiglia sparsi in tutta la Lombardia,  queste  venivano compilate a nome di persone esenti dal pagamento di farmaci e ticket (ovviamente a loro insaputa) e poi “spedite” nelle  farmacie della medesima Regione. I farmaci così ottenuti, del tutto gratuitamente e in barba al Servizio sanitario nazionale, venivano quindi “dirottati” in Campania, da dove sarebbero successivamente stati inviati all’estero dietro compenso, in genere senza troppa attenzione per il rispetto delle date di scadenza e per le modalità di conservazione.

Quattordici in tutto le persone arrestate dai Nas con l’accusa di truffa aggravata e commercio illegale di farmaci: otto in carcere, quattro agli arresti domiciliari e infine due sottoposte a obbligo di firma.

Secondo le stime effettuate dagli inquirenti, nel solo 2016 sarebbero stati circa 500mila euro i soldi sottratti al Servizio sanitario nazionale a causa della truffa.

Altre 48 persone , ritenute complici o conniventi dell’organizzazione, sono state identificate e denunciate.