Rapporto Ue, migliora
in Italia la fiducia
nelle vaccinazioni

Rispetto al 2015, in Italia l’aumento di fiducia è di circa il 9%. Il dato è motivato, si legge nel rapporto, dal fatto che “l’aumento delle epidemie di morbillo in tutta l’Ue ha contribuito ad aumentare le conversazioni dei media sull’importanza della vaccinazione e alla decisione di Francia e Italia di aumentare il numero di vaccini obbligatori nell’ambito dei programmi nazionali di vaccinazione“.

Lo studio, del quale riferisce un lancio Ansa,  rivela che la fiducia nei vaccini è invece in calo in Polonia, mentre in Repubblica ceca, Finlandia e Svezia aumenta la preoccupazione sulla loro sicurezza.