Report Aifa sulla spesa gennaio-agosto 2018, l’ospedaliera sfonda

Roma, 24 dicembre – L’Aifa ha pubblicato sul suo sito, venerdì scorso, il Monitoraggio della Spesa farmaceutica nazionale e regionale  relativo al periodo gennaio-agosto 2018. Il report conferma dati e dinamiche già noti e consolidati: a livello nazionale la spesa complessiva nei primi due quadrimestri dell’anno ha ragiunto i 12.289,5 milioni di euro, con uno scostamento assoluto rispetto alle risorse complessive (11.155,5 milioni, pari al 14,85% del Fsn) di oltre un miliardo, per l’esattezza 1.134 mln di euro. Un sfondamento che porta l’incidenza percentuale sul Fondo sanitario al  16,36 %, con un incremento percentuale di un punto e mezzo rispetto al tetto fissato. Solo quattro Regioni su 21 sono rimaste dentro il perimetro dei  tetti di spesa.

Scendendo più in dettaglio, il report Aifa conferma l’andamento “virtuso” della spesa farmaceutica convenzionata netta a carico del Ssn nei primi otto mesi del 2018:  al netto di sconti, compartecipazione alla spesa dei cittadini (ticket regionali e quote differenziali sul prezzo di riferimento) e pay-back versato alle Regioni dalle aziende farmaceutiche, la spesa “passata” in farmacia si è infatti fermata  a 5.244,9 milioni di euro, registrando una diminuzione di quasi 260 milioni rispetto al corrispondete periodo del 2017, con un decremento percentuale del 4,7%.

In calo, ancorchè lieve (-0,4%) anche i consumi: le ricette sono state 386,5 milioni, contro i 388,2 milioni del 2017. Crescono invece  del 2,5% le dosi giornaliere dispensate, per un totale di 348 milioni di DDD.Aumenta anche l’incidenza del ticket, con 50,8 milioni di euro in più, corrispondete al + 4,9%, Da segnalare, al riguardo, che calano i ticket fissi, mentre cresce la spesa che i cttadini sostengono per pagare la differenza di prezzo per l’acquisto di farmaci branded in luogo del corrispondete generico.

Le note più dolenti riguardano la spesa farmaceutica per acquisti diretti, che nel periodo gennaio-agosto 2018 ha riaggiunto i 6,79 miliardi di euro, vale a dire 1,61 miliardi in più del tetto fissato. Per i medicinali inseriti nel fondo per i medicinali innovativi non oncologici la spesa gennaio-luglio è stata di 331,7 milioni di euro, quella per i medicinali inseriti nel fondo per gli innovativi oncologici nel periodo  gennaio-aprile è stata pari a 374,2 milioni di euro.
Monitoraggio della Spesa farmaceutica nazionale e regionale, gennaio-agosto 2018