Roma, condanna esemplare a rapinatore seriale di farmacie

Roma, 14 novembre – Otto anni di reclusione ma anche un risarcimento a titolo di danni morali di 1000 euro da riconoscere a Federfarma Roma, costituitasi parte civile nel giudizio, oltre al pagamento delle spese processuali. Questa la condanna inflitta dal tribunale di Roma all’autore di ripetute rapine a danno di farmacie della capitale.  Una pena decisamente severa, del tutto adeguata alla gravità e alla reiterazione dei reati commessi, alla quale ha certamente concorso la costituzione di parte civile da parte del sindacato provinciale dei titolari, rappresentato dall’avv. Giulio Valenti, che ha ottenuto il pieno riconoscimento (al di là della sua entità e della sua effettiva esigibilità) del danno morale subìto dai colleghi rapinati e, più in generale, dall’intera categoria, esposta come poche altre al rischio di atti predatori.

“Un esito processuale importante e significativo” commenta su Filodiretto con comprensibile soddisfazione il presidente di Federfarma Roma, Vittorio Contarinaaccolto molto positivamente anche dagli ambienti della Procura della Repubblica, con cui è stata avviata ormai da tempo una proficua collaborazione. Proprio la costituzione di parte civile ha l’obiettivo di contribuire ad assicurare una sempre maggiore sicurezza alle nostre farmacie facendo in modo che i responsabili vengano condannati a pene adeguate rispetto ai reati commessi, evitando – come spesso accade –  che vengano inflitte lievi condanne e che dopo breve tempo vengano rimessi in libertà”.