Stili di vita salutari, da ministero e Iss una Fad dedicata ai farmacisti

Roma, 3 settembre – “Opportunità di salute: strategie, competenze e strumenti per la promozione di stili di vita da parte del farmacista”. Questo il titolo della Fad realizzata dall’Istituto superiore di sanità e destinata in particolare ai farmacisti nell’ambito del progetto  “Opportunità di Salute – Strategie, competenze e strumenti per la prevenzione delle malattie a base metabolica e la promozione di stili di vita salutari in contesti opportunistici”, attivato dal ministero della Salute e coordinato dal Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute (Cnapps) dello stesso Iss, con la dichiarata finalità di “condividere le diverse tipologie di intervento breve concretamente applicabili in contesti opportunistici da diversi operatori per la prevenzione e la promozione di stili di vita salutari”.

Spiegando il razionale dell’iniziativa sulla Piattaforma Goal (alla quale i farmacisti possono accedere per iscriversi, con una semplice procedura, alla Fad in questione), l’Iss scrive che sul territorio “la farmacia e il farmacista rappresentano rispettivamente un luogo riconosciuto e una figura fondamentale per attuare interventi finalizzati alla diffusione di indicazioni utili per la salute. Il farmacista è un interlocutore privilegiato che ha la possibilità di entrare in relazione con il cittadino, stabilire una relazione basata sulla fiducia e promuovere stili di vita salutari. La farmacia è, quindi, un contesto opportunistico per la promozione della salute, ossia un contesto in cui è possibile realizzare interventi a favore della salute ogni qualvolta se ne presenti l’opportunità”.

Ed è proprio in quest’ottica che si sviluppa il percorso di formazione a distanza rivolto in particolar modo ai farmacisti, con l’obiettivo di “proporre linee unificanti e una base comune, in termini di conoscenze e linguaggio, per la promozione della salute e di favorire l’acquisizione delle competenze comunicativo-relazionali e di base del counselling per interventi brevi di promozione di stili di vita salutari”.
La Fad è strutturata in due sezioni principali: la prima presenta un inquadramento delle malattie croniche non trasmissibili, la strategia per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute, focalizzando l’attenzione sul ruolo del sistema sanitario e in particolare del farmacista. Fornisce, inoltre, un panorama dei dati epidemiologici aggiornati provenienti dai sistemi di sorveglianza e dei determinanti di salute negli ambienti di vita.
La seconda sezione è dedicata agli aspetti comunicativo-relazionali, all’approfondimento delle competenze di base del counselling, alla presentazione dei modelli teorici e delle strategie per promuovere il cambiamento comportamentale e alla descrizione degli interventi brevi di promozione della salute in contesti opportunistici e in particolare nel contesto della farmacia. Da un punto di vista metodologico, i testi sono accompagnati da case study centrati sulla pratica professionale, al fine di favorire un processo di condivisione di pratiche e informazioni per migliorare la conduzione del processo relazionale.
Il corso sarà on line fino al 31 dicembre 2019, prevede una durata di 10 ore e consente di acquisire 10 crediti Ecm. Il programma è disponibile a questo link.  Per accedere al corso, cliccare qui.
Un’altra offerta formativa a distanza è incentrata sul luogo di lavoro, che può essere considerato un contesto privilegiato per raggiungere in maniera efficace una parte rilevante della popolazione al fine di migliorarne lo stile di vita. La promozione della salute nei luoghi di lavoro è infatti un tema prioritario sia per il sistema salute sia per le imprese di ogni settore e dimensione, non solo per la crescente consapevolezza sull’importanza della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, ma anche a causa dell’emergere di nuovi rischi e bisogni legati alla salute e al benessere sul luogo di lavoro, non da ultima la diffusione delle malattie croniche non trasmissibili nella popolazione. Anche il luogo di lavoro rappresenta, pertanto, un contesto in cui, ogniqualvolta se ne presenti l’opportunità, è possibile realizzare interventi a favore della salute.
Il progetto “Opportunità di Salute” del ministero offre al riguardo una specifica Fad, Opportunità di Salute sul luogo di lavoro. Strategie, competenze e strumenti per la promozione di stili di vita salutari, rivolta agli operatori sanitari e a tutti i soggetti che a vario titolo sono impegnati nel contesto del lavoro.  Anche questa Fad è strutturata in due sezioni principali: la prima presenta un inquadramento delle malattie croniche non trasmissibili, la strategia italiana per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute, focalizzando l’attenzione sulla strategia di promozione della salute nei luoghi di lavoro (Workplace Health Promotion – Whp). Fornisce, inoltre, un panorama dei dati epidemiologici aggiornati provenienti dai sistemi di sorveglianza e dei determinati di salute negli ambienti di lavoro e di vita.
La seconda sezione è dedicata agli aspetti comunicativo-relazionali, al counselling e alle strategie per promuovere il cambiamento comportamenta nel luogo di lavoro.
Anche in questo caso, il percorso formativo a distanza prevede una durata di 10 ore ed eroga 10 crediti Ecm. Qui il programma del corso, anch’esso disponibile on line fino al prossimo 31 dicembre. Per le iscrizioni, cliccare qui.